Soccorso Verde


Tempo di bulbose!

 

tulipano "Queen Marvel".

Narcissus spp.

Ottobre sta per finire. È l’ora dei bulbi, il momento dell’anno in cui le bulbose vengono messe a dimora per la fioritura primaverile.

Il bulbo è un fusto trasformato e non una radice come potrebbe sembrare. Il dischetto basale del bulbo è il vero e proprio fusto mentre gli strati carnosi che lo compongono sono foglie trasformate che hanno acquisito una funzione di riserva.

Quando il bulbo viene interrato il dischetto basale comincia a emettere radici e dalla punta del bulbo si allungano le foglie e lo stelo fiorale della pianta. Una volta terminato il ciclo vegetativo le bulbose entrano in una fase di riposo. La parte aerea secca e le

Galanthus nivalis.

radici muoiono. Il bulbo sta così a riposo fino all’anno successivo. È in questa fase che bisogna trapiantarli.

I bulbi vanno interrati a una profondità doppia rispetto al loro diametro. Se li si mette in vaso tale regola non è facile da rispettare. In tal caso basta che siano coperti. Se però li piantate in giardino ricordate di porli alla profondità giusta. Fanno eccezione a tale regola le specie del genere Allium (aglio, cipolla, scalogno, Allium da fiore…) che devono essere piantati molto superficialmente in modo che un terzo del bulbo spunti dalla terra.

Una volta messi a dimora li si lascia stare, bagnando saltuariamente se la terra diventa troppo secca. I narcisi vanno dissotterrati ogni cinque o sei anni almeno e divisi. Essi si riproducono molto per via agamica. Da ogni bulbo si

Crocus spp.

generano altri bulbi e se la densità diventa troppo alta le piante non fioriscono più. È quindi necessario dividerli e diradarli per lasciare a ognuno il proprio spazio vitale. I tulipani devono invece essere tolti dal terreno ogni anno. Essi emettono dalle radici delle sostanze tossiche per il tulipano stesso. Se lasciate a dimora il bulbo esso deperirà. Bisogna quindi cambiargli posto a aspettare almeno quattro anni prima di rimettere dei tulipani nello stesso luogo. Si dice che il problema possa essere risolto piantando dei tageti sopra i bulbi durante la stagione della dormienza. I tageti depurano il terreno dalle scorie dei tulipani. Non ho mai provato e quindi non vi do la notizia per certa. Se doveste provare fatemi sapere i risultati!

Ci sono delle bulbose di piccola taglia adatte all’inselvatichimento nel prato. Interessante a tale scopo è il Crocus spp., una piantina alta pochi centimetri che una volta messa a dimora nel prato fiorirà sempre più copiosamente ogni anno. Potete comprare sacchetti di bulbi in miscuglio e riempire il vostro prato di casa. In primavera avrete un tripudio di colore. Quando poi sarà ora di tagliare l’erba i Crocus saranno già in dormienza. Un’altra pianta molto adatta allo scopo è il Galanthus nivalis o bucaneve. Le sue campanelline bianche spuntano molto precocemente, in

Colchicum autumnale.

pieno inverno e ci regalano un po’ di bellezza anche durante la stagione morta.

Se volete realizzare un’aiuola di bulbose dovete stare attenti alla progettualità. Considerate molto attentamente le caratteristiche delle diverse piante. In particolare dovete considerare la loro altezza, in base alla quale deciderete la disposizione in modo che nessuna specie resti nascosta, e il periodo di fioritura. Se non ci pensate prima potreste avere delle delusioni e ottenere un risultato ben diverso da quello che vi aspettavate.

Le bulbose non hanno grandi problemi fitosanitari. Ci sono insetti che mangiano volentieri i bulbi e anche animali superiori a cui stare attenti. I tulipani sono particolarmente graditi a topi e arvicole che se ne nutrono avidamente. I narcisi invece, essendo velenosi, sono immuni dagli attacchi dei roditori. Se trovate bulbi attaccati d avermi o ammuffiti buttateli via. Non vale la pena di curarli. In ogni caso posso dire per esperienza che le bulbose sono piante resistenti e che danno facile soddisfazione.

Nei prossimi post mi occuperò di alcune bulbose in particolare. Ci sono bulbose adatte a tutte le esigenze. Le loro fioriture sono eccezionalmente varie e distribuite durante l’anno. Si va dal Galanthus che fiorisce in dicembre-gennaio al Colchicum che fiorisce in agosto-settembre.

Certamente le bulbose sono piante da valutare per la loro bellezza, varietà, semplicità di coltivazione. Le bulbose si possono acquistare un po’ ovunque. controllate bene che i bulbi siano sani quando li comprate. Un’altra opzione è l’acquisto via internet o posta. Ci sono molte buone aziende. Io vi consiglio la olendese Bakker con la quale mi sono sempre trovato benissimo in quanto a qualità del materiale.

Buon Lavoro!

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: